• Consegna Francia, Belgio, Spagna, Italia e Germania
  • Spedizione gratuita a partire da 40€ di acquisto
Menù

Molto bene ! Le spese di spedizione sono gratuite a partire da 40€ di acquisto 🎁

Eccellente ! Gli ordini vengono spediti molto rapidamente entro 24 ore 🚀

Aggiungere alla mia lista dei desideri

Devi disporre di un account per utilizzare questa funzione.

Login Iscrizione

Giochi educativi in ​​legno per bambini in età prescolare

Un bambino sviluppa le sue capacità grazie alle stimolazioni psicomotorie, senso motorie e relazionali che sperimenta fin dalla tenera età. Ha bisogno di giochi, tempo da condividere, manipolazione per stimolare il suo pensiero, la sua immaginazione e sviluppare il suo cervello.

È nell'ottica di imparare divertendosi che i nostri team hanno immaginato la collezione "educativa".

11 giochi educativi in ​​legno FSC® compongono questa gamma, permettono ai bambini a partire dai 2 anni di apprendere i primi concetti trattati nella scuola dell'infanzia e offrono diversi livelli di difficoltà e la possibilità di giocare in autonomia o in coppia.

Puzzle di osservazione - Giardino

Le seguenti recensioni dei clienti sono state tradotte dal francese:

Progettato con un insegnante di scuola

Questa gamma è stata progettata in collaborazione con un insegnante di scuola. Permette ai bambini dai 2 anni di apprendere i primi concetti trattati dal ciclo 1.

“Come funziona?, “Come posso capire e risolvere una sfida che mi si presenta?”: tante domande che un bambino deve sapersi porre. E la missione di Janod è sostenerlo nel suo sviluppo preparandolo a esplorare il suo mondo.

Alcuni apprendimenti possono essere astratti per i più piccoli. La manipolazione degli elementi di gioco permette loro di provare varie combinazioni e imparare al proprio ritmo per tentativi ed errori, in modo più concreto: poi imparano senza nemmeno rendersene conto!

Offrire un gioco educativo a tuo figlio gli permette di approfondire le nozioni apprese in classe attraverso un'attività arricchente, dal vero valore educativo.

I giochi di questa collezione fanno parte del nostro desiderio di offrire ai bambini materiali giocosi e in evoluzione, per permettere loro di sperimentare e costruirsi così passo dopo passo, divertendosi!

Orientarsi Nello Spazio - Il Giardino

“Nella scuola dell’infanzia, gli insegnanti ricorrono spesso all’utilizzo di laboratori indipendenti in modo che i bambini abbiano sempre un’attività da svolgere una volta terminato il lavoro”.

Maria, insegnante di scuola

Laboratori autonomi o in coppia

Con i giochi educativi di questa collezione, puoi riprodurre laboratori didattici a casa! Questa gamma è adatta per l'apprendimento chiave all'asilo e per l'uso in classe oa casa.

A scuola i più piccoli possono partecipare a divertenti laboratori con più persone per scoprire un concetto specifico. Poi partecipano a turno, o collaborano per raggiungere un obiettivo comune: un concentrato di apprendimento! Possono quindi passare al workshop successivo, che consente loro di non annoiarsi e di rimanere concentrati sulla loro attività.

Il bambino può giocare da solo a casa per sperimentare al proprio ritmo. Si prende il tempo per osservare, manipolare... Per scoprire autonomamente. Prenderà iniziative e forse avrà meno paura di sbagliare! È un momento di scoperta che appartiene solo a lui.

Accompagnato da un adulto, il gioco assume una dimensione tutta nuova: "Prova a mettere il coniglio dietro l'albero", "Mi fai vedere il numero 5?" Le possibilità sono infinite! Questi momenti di scambio e condivisione con un adulto o altri bambini sono ricchi di apprendimento , permettono di adattare il gioco ai progressi dei più piccoli e di sbloccare situazioni in cui a volte hanno bisogno di essere guidati per capire.

Orientarsi Nello Spazio - Gatto E Topolini

"Per la maggior parte dei giochi, penso che sia necessario fare una scoperta con un adulto [...] Una volta che il bambino ha compreso il principio del gioco, può ovviamente usarlo da solo o con altri bambini."

Maria, insegnante di scuola

Giochi educativi scalabili

Il grande vantaggio dei giochi in legno è la loro durata. I materiali sono nobili e resistenti, i giocattoli possono essere trasmessi e maneggiati ancora e ancora da diverse generazioni di piccoli curiosi! Tutti i giocattoli di questa collezione sono realizzati in legno e cartone FSC®.

Per essere sempre più durevoli, questi giochi educativi sono stati progettati con diversi livelli di gioco. Scalabili, si adattano ai progressi dei più piccoli e possono quindi essere utilizzati dai 2 anni fino ai 6 anni .

Si padroneggia un'abilità e si acquisisce una certa sicurezza? Gufo ! Ora è il momento di una nuova sfida! Aggiungi elementi per rendere il gioco più complesso, gira le carte per scoprire nuove varianti o invita i bambini ad autocorreggersi!

I giochi della gamma Pedagogia sono completati da una moltitudine di elementi che puoi introdurre gradualmente alle meccaniche di gioco del tuo bambino, tutti sullo stesso supporto in legno: nuove sfide vengono quindi proposte ai più piccoli!

Tutta la famiglia ama vedere i bambini progredire e padroneggiare nuove abilità ogni giorno. Offrire nuove varianti ai giochi educativi per i più piccoli significa dare loro l'opportunità di vedere oltre per superarsi sempre, imparare e crescere!

Tabella A Doppia Entrata - Lumache

Giochi educativi della collezione educativa in video:

10 domande a Marie, un'insegnante di scuola che ha partecipato al design della collezione:

1. Per quale fascia d'età sono adatti questi giochi?

I giochi della gamma educativa si rivolgono maggiormente ai bambini tra i 2 ei 6 anni.

2. Quali sono le principali abilità su cui si lavora all'asilo?

Nella scuola materna le competenze sono suddivise in cinque domini. Le grandi abilità lavorate sono tutte importanti e sono numerosissime, ecco quelle che corrispondono ai giochi a cui ho potuto partecipare:

- Comunicare con gli adulti e con gli altri bambini attraverso il linguaggio facendosi capire,

- esprimersi in un linguaggio orale sintatticamente corretto e preciso,

- Utilizzare in modo appropriato il lessico appreso in classe,

- Riformula le tue osservazioni per farti capire meglio,

- Riformulare le parole degli altri,

- Pratica vari usi del linguaggio orale: raccontare, descrivere, evocare, spiegare, interrogare, proporre soluzioni, discutere un punto di vista.

- Valutare e confrontare raccolte di oggetti, creare raccolte,

- Mobilitare simboli analogici (costellazioni, dita, numeri) per comunicare informazioni orali e scritte su una quantità fino ad almeno 10,

- Quantificare le collezioni almeno fino a 10: comporle e scomporle con manipolazioni efficaci e poi mentali,

- Dire quanto aggiungere o togliere per ottenere quantità non superiori a dieci,

- Parlare di numeri usando la loro scomposizione,

- Inizia a confrontare due numeri inferiori o uguali a 10 in cifre,

- Iniziare a risolvere problemi di composizione di due collezioni, aggiunta o ritiro, prodotto o condivisione;

- Classificare gli oggetti in base a caratteristiche relative alla loro forma, alla loro capacità, alla loro lunghezza, alla loro massa,

- Riconoscere alcuni solidi (cubo, piramide, palla, cilindro),

- Saper denominare alcune forme piane in tutte le configurazioni e orientamenti,

- Riprodurre un assieme da un modello (puzzle, piastrellatura, assemblaggi di solidi),

- Identificare un'organizzazione regolare e perseguire la sua applicazione.

- Ordinare una serie di fotografi o immagini, per riflettere una situazione vissuta o una storia immaginaria ascoltata, segnando esattamente la successione e la simultaneità,

- Situare gli oggetti in relazione a se stessi, tra loro, in relazione agli oggetti di riferimento,

- Utilizzare marcatori spaziali appropriati (davanti, dietro, destra, sinistra, sopra, sotto, ecc.) nelle storie, descrizioni o spiegazioni,

- Riconoscere e descrivere le fasi principali dello sviluppo di un animale o di una pianta, in una situazione di osservazione della realtà o su immagini fisse o animate,

- Conoscere i bisogni essenziali di alcuni animali e piante,

- Individuare e denominare le diverse parti del corpo umano, su se stessi o su una rappresentazione.

3. Qual è stato il tuo ruolo nel disegnare questa collezione?

Il mio ruolo nel disegnare questa collezione è stato soprattutto quello di rispondere a domande pratiche. Come, ad esempio, il numero di elementi, i diversi livelli, la praticità di impostazione del gioco, le istruzioni, l'eventuale allestimento in classe o a casa... Dare indicazioni per evitare di riprodurre i vincoli individuati sui giochi che già esistono.

4. In classe, in quale ambiente/contesto offri questi giochi ai bambini?

In classe questi giochi possono essere proposti sia in un laboratorio, cioè un gruppo di bambini con il supporto dell'insegnante. O per alcuni in un laboratorio indipendente.

Nella scuola dell'infanzia le maestre ricorrono spesso all'utilizzo di laboratori autonomi in modo che i bambini abbiano sempre un'attività da svolgere quando hanno finito il loro lavoro. Generalmente, infatti, ci organizziamo in gruppi, con un laboratorio condotto dall'insegnante, uno dall'ATSEM e uno o due altri in autonomia. Quando lavorano in modo indipendente, gli studenti devono essere in grado di continuare a lavorare anche quando hanno terminato il loro compito.

Nella mia classe, questi laboratori sono conservati in una cassettiera e divisi per materia ("francese", "matematica" e "scienze o motricità fine"). Quando un bambino in autonomia ha finito il suo lavoro, può andare a fare un laboratorio autonomo nella zona indicata.

5. Ci sono diversi livelli di gioco a seconda dei progressi del bambino? In che modo questi giochi si adattano alle loro abilità?

Tutti i giochi a cui ho potuto partecipare sono progettati per evolversi in base all'età e al progresso del bambino. Infatti per me i giochi devono avere dei benefici per essere utilizzati in modo sostenibile da un insegnante, devono quindi potersi adattare a più livelli ea tutti i bambini.

6. Il bambino può giocare da solo? È necessario l'accompagnamento di un adulto?

Per la maggior parte dei giochi, penso che sia necessario fare una scoperta con un adulto prima che il bambino possa giocare da solo. Una volta che il bambino ha compreso appieno il principio del gioco, può ovviamente usarlo da solo o con altri bambini.

7. Questi giochi sono pensati solo per l'uso in classe da parte degli insegnanti o possono essere usati a casa?

Questi giochi possono essere facilmente giocati a casa con l'aiuto di un genitore.

8. Come utilizzare questi giochi educativi a casa con i bambini?

A casa, per me è importante usarli davvero come giochi e non come apprendimento. I bambini sono particolarmente impegnati a scuola, a loro viene richiesta molta attenzione e concentrazione. Quindi mi sembra che a casa possa essere più una possibilità di giocare “ripassando” le nozioni viste in classe.

9. Come allestire un laboratorio didattico a casa?

I laboratori didattici possono essere allestiti come a scuola. Vale a dire scoprirli e capirli con l'aiuto di un adulto, poi essere messi a disposizione facilmente in modo che il bambino possa usarli da solo quando vuole.

10. Quali sono i tuoi consigli per incoraggiare un bambino ad estendere a casa le conoscenze acquisite in classe in modo divertente, senza che ciò sia visto come un lavoro di routine/compito a casa?

Per me tutto deve passare attraverso il gioco senza che il bambino se ne accorga. Nelle situazioni quotidiane, ad esempio sotto la doccia, giocare a Jacques a dit per nominare le parti del corpo, o cucinare nominando gli utensili o gli ingredienti... Giocare a semplici giochi da tavolo, leggere album della giovinezza e chiedere al bambino di raccontare esso stesso.

Soprattutto deve essere piacevole per lui, se non è più piacevole devi fermarti e non insistere.

Janod giochi educativi: